Quantcast

Monday night di stelle al “Ceravolo”. Gravina: ‘Catanzaro proprietà solida’

Sugli spalti, per Catanzaro-Catania, il presidente della FIGC Gabriele Gravina e quello della LegaPro Francesco Ghirelli

Riflettori puntati sul campo, ieri per Catanzaro-Catania. Ma anche sugli spalti, direzione skybox, per le presenze di peso dei vertici del calcio italiano, gomito a gomito con la dirigenza giallorossa. Il “Ceravolo” infatti è stato tappa di chiusura dei tour in città di Gabriele Gravina e Francesco Ghirelli – rispettivamente presidente della FIGC e presidente della LegaPro – entrambi impegnati nelle ore precedenti il match tra aquile ed etnei in incontri istituzionali presso il Centro Tecnico Federale e la Casa Comunale.

GRAVINA: «CATANZARO SOLIDO» – C’era da “accompagnare” la Coppa vinta dagli azzurri nell’ultimo campionato europeo e subito dopo confrontarsi con i rappresentati del Comitato Regionale FIGC; Gravina lo ha fatto nel pomeriggio anticipando lui stesso la successiva presenza allo stadio e spendendo parole importanti per il club di via Gioacchino da Fiore, definito «blasonato e con una proprietà solida». Un rapido saluto a squadra e dirigenza per lui prima del fischio di inizio ed una ricognizione negli spazi dell’impianto prima della ripartenza, in anticipo rispetto al triplice fischio di chiusura.

GHIRELLI PER LE STRUTTURE – Chi invece ha assistito per intero ai novantasei minuti di contesa tra giallorossi e rossazzurri è stato il numero uno della serie C Ghirelli. In mattinata lo si era visto varcare il portone di Palazzo De Nobili per un incontro con il sindaco Abramo mediato dal patron Floriano Noto. Un’occasione per fare il punto, dopo la riapertura degli stadi al pubblico, sui possibili interventi da mettere in campo sull’impiantistica sportiva. La nota diffusa poi dal Comune ha sintetizzato così il confronto: le delucidazioni di Ghirelli circa «il lavoro avviato con il Governo per utilizzare i fondi del PNRR anche per restituire a tutti i sessanta stadi della C una nuova centralità urbana, attraverso progetti mirati alla digitalizzazione, alla salute, alla riconversione ecologica e all’occupazione» e di riflesso l’auspicio di Noto ed Abramo di poter presto “apportare tutte le necessarie migliorie allo stadio per renderlo una struttura più sostenibile, efficiente e polifunzionale”. In serata, come detto, la passerella al “Ceravolo”. Per un monday night sotto e con le stelle.