Quantcast

Catanzaro, dopo la Coppa testa al Messina. Rolando e Porcino ancora ai box

Calcoli precisi sui tempi di recupero si continua a non farne ma le idee grossomodo sembrerebbero esserci, almeno per il ritorno in gruppo

Archiviato con soddisfazione il passaggio del turno in Coppa Italia ed incamerata con piacere la buona risposta da parte delle seconde linee chiamate in causa contro il Palermo, il Catanzaro si è rimesso subito a lavorare quest’oggi a Steccato di Cutro facendo suo l’imperativo dato da Calabro subito dopo la vittoria. «Testa subito al Messina» era stato il diktat, già nella pancia del “Ceravolo”, a quarto di finale di coppa appena agguantato. E nei fatti la squadra ci ha messo poco a voltare pagina cominciando nell’immediato la marcia d’avvicinamento alla sfida del weekend. Il diario di bordo parla di lavoro defaticante per gli impiegati contro i rosanero e di surplus di tattica più partitella per i non o poco schierati di ieri. Ma più che a questo – tabella standard, nulla di che – l’attenzione era rivolta all’infermeria per capire di più soprattutto sulle condizioni degli infortunati Porcino e Rolando.

ROLANDO E PORCINO – Anche oggi i due laterali hanno disertato il campo e dovrebbero seguitare a farlo anche nei prossimi giorni che conducono al match contro i peloritani. Calcoli precisi sui tempi di recupero si continua precauzionalmente a non farne ma le idee grossomodo sembrerebbero esserci, almeno per il ritorno in gruppo. Per Rolando si profila uno stop più lungo – ottimisticamente si potrebbe pensare ad un rientro per la Turris, più realisticamente per la Juve Stabia dopo metà mese – ma andrà gestito perché il problema alla caviglia è delicato ed affrettare i tempi ha dimostrato di non giovare per nulla. Poco prima potrebbe tornare tra gli arruolabili Porcino la cui elongazione verrà comunque monitorata ulteriormente prima e dopo il Messina.

VERSO IL MESSINA – Domani il via alla prevendita per la gara contro i giallorossi siciliani di Capuano. Arbitro dell’incontro sarà il signor Marco Acanfora di Castellammare di Stabia.