Quantcast

Prima escursione per i nuovi operatori del cammino formati dall’Uisp territoriale di Catanzaro

Domenica 28 novembre a Lamezia Terme, si è tenuto l’incontro conclusivo del corso online per operatore sportivo

Il cammino è uno sport, oltre che una forma di turismo, sempre più viene scelto dalla popolazione. Il territorio calabrese, noto soprattutto per le sue coste, offre anche la possibilità per cammini montani e percorsi nella natura. L’attenzione dell’Uisp verso il turismo lento e sostenibile, ha contagiato anche gli spazi naturalistici e selvaggi della Calabria, perciò il Comitato regionale Uisp in collaborazione con il Comitato Territoriale di Catanzaro hanno voluto promuovere e dare un nuovo impulso a questa attività, formando figure in grado di accompagnare piccoli gruppi in natura nel pieno rispetto dell’ambiente.

L’11 ottobre è stato avviato un corso on line di Operatore sportivo per metodica del cammino, realizzato in collaborazione con il Settore di Attività atletica leggera nazionale Uisp, che si è concluso il 3 novembre. Il percorso formativo di 33 ore ha riscosso molto successo e visto la presenza di 32 partecipanti, 21 della Calabria di cui la metà del Comitato di Catanzaro, 5 della Sicilia, 3 della Toscana, 1 del Piemonte, 1 dalla Sardegna e 1 del Friuli.

Domenica 28 novembre a Lamezia Terme, si è tenuto l’incontro conclusivo, con ritrovo al parco Peppino Impastato, dove i corsisti hanno messo in pratica le nozioni del corso con un’escursione. Il loro compito è stato di dimostrare, in compagnia dei loro formatori, la corretta gestione e conduzione in sicurezza di persone, che vogliano migliorare il loro stato di salute attraverso la pratica del cammino e l’acquisizione delle buone pratiche per una vita attiva e più sana.
Le lezioni sono state tenute dai formatori nazionali Uisp Ermanno Pizzoglio, Antonio Gradilone, Umberto Grella e Gianni Cailotto, le attività pratiche sono state condotte da Giovanni Cugnetto il Tutor del corso è stato Alma Brunetto, tutti hanno contribuito a creare  le condizioni per una corretta gestione del gruppo e le relative responsabilità; le dinamiche di gruppo; i benefici psicofisici del cammino; le tre A-alimentazione, attrezzatura e abbigliamento; meteorologia; orientamento; conoscenza del territorio e storia del cammino.

Durante il corso si è ribadito l’approccio che si deve avere con i luoghi, fautori anche di una microeconomia a basso impatto ambientale e in cui non bisogna “solo prendere, ma anche dare”. In sintesi restituire valore al patrimonio e non sfruttarlo. I partecipanti al corso sono diventate figure che avranno il compito di rilanciare, secondo i principi Uisp, tutti i luoghi nell’ottica della sostenibilità ambientale e dovranno fare rete per unire gli interessi naturalistici a quelli storici, culturali e religiosi. Perchè camminare è uno Sportpertutti inclusivo, nel pieno spirito Uisp.