Quantcast

Volley femminile serie C, Mastria Stella Azzurra espugna Cosenza foto

Le giovanissime del coach Fiorini ottengono la prima vittoria esterna della stagione dopo quasi tre ore di battaglia

Prima vittoria esterna per le ragazze della Mastria Stella Azzurra Catanzaro che, dopo 2 ore e 50 di gioco espugnano il difficile campo della Baxter GM Volley Cosenza. 

Il tecnico Fiorini schiera la formazione che si è aggiudicata l’incontro con la New Teosidos: Marta Mancuso in palleggio. Gaia Dolce (2005) opposto, schiacciatrici Elisa Braichuk e Maria Cristina Galea, centrali Alessandra Talarico  e Stephany Barberi, nel ruolo di libero  Marcella Maggipinto. A disposizione: Gaia Caliò, Francesca Caliò, Mirella Scozia, Marta Procopio, Aurora Pellegrino. 

Il tecnico Buccieri risponde con: Tuoto in palleggio, Di Lieto opposta, Meringolo e Perri centrali, Altomare e Marsico schiacciatrici, libero Gagliardi. A disposizione Tuoto, Gabriele, Grandi, Senatore, Ottomano, Belfiore.

Arbitri dell’incontro: Sposato Gianguido e Pugliese Vincenzo.

Partita dai due volti con le padrone di casa che dominano i primi due parziali con un’ottima tattica al servizio e sfruttando anche la giornata non certo brillante delle giovani della formazione catanzarese, apparse decisamente sotto tono e nervose. Solo Braichuk e Maggipinto cercano di reggere il confronto, ma possono solo contenere i danni. Errori gratuiti al servizio e in attacco, distribuzione del gioco imprecisa, difesa inesistente per oltre due set condizionano fortemente il punteggio con le cosentine che si limitano alla gestione attenta dell’errore. 25-19/25-21 i parziali dei primi  due set in favore delle padrone di casa.

Il tecnico Fiorini decide di tentare il tutto per tutto per ribaltare la situazione e stravolge la formazione. Galea torna nel ruolo di opposto, Braichuk torna primo attaccante e getta nella mischia la giovane Mirella Scozia, nel difficilissimo ruolo di secondo attaccante, ruolo che gestisce insieme al libero tutto il sistema di ricezione. 

Di colpo gli equilibri della gara si spostano verso la Stella Azzurra, la ricezione si riassesta e le schiacciatrici tornano ad essere efficaci in attacco. Il Cosenza accusa il colpo, ma non molla. Il set è combattutissimo ma con le catanzaresi sempre in lieve vantaggio, fino al 25-23 finale.

Quarto set è un monologo delle ragazze catanzaresi che dispongono agevolmente delle cosentine fino al 17-9. Di colpo è black out. Altomare in battuta infila una serie continua di ottimi servizi e Braichuk e compagne spengono la luce. 5 attacchi sbagliati e due ace riportano le cosentine sulla parità. Il set continua punto a punto fino al 26-24 per le ospiti che portano la gara al tie-break. 

Il tie break è la fotocopia del quarto set. Catanzaresi subito in vantaggio fino al cambio campo sull’8-4, poi tocca a Meringolo al servizio operare il recupero fino al 9-8 per le cosentine, ma l’ottima serie al servizio della Galea e in attacco della Braichuk portano le compagne sul 14-11. Tocca alle giovanissime Scozia e Talarico chiudere il parziale con due ottimi attacchi e regalare una insperata vittoria alle ospiti.

La vittoria permette alle ragazze di Peppe Fiorini di mantenere un buon sesto posto in classifica, lontanissimo dalla zona calda.

SCORE: Braichuk 22, Galea 17, Talarico 12, Barberi 8, Mancuso 4, Dolce 2, Pellegrino 1, Scozia 1, Caliò G., Libero: Maggipinto. Non entrate Procopio e Caliò F.

Peppe Fiorini: “Sappiamo che lavorare con le giovani è un continuo up and down, e molte delle nostre giovanissime stanno attraversando un periodo di scarsa forma mentale, pagando il duro scotto del ruolo da titolari in un campionato difficile come la serie C. Giocare contro formazioni esperte non è facile per delle giovanissime e trovarsi davanti atlete che sfruttano al massimo le tue carenze tecniche e tattiche non è facile. E’ in queste situazioni che esce fuori il vero carattere delle atlete e si evidenziano i margini di miglioramento che dipendono spesse dalle qualità volitive e caratteriali, oltre che dalle caratteristiche tecniche. Grande dimostrazione l’hanno data stasera elementi come Mirella Scozia e Alessandra Talarico che hanno lottato come due leonesse al fianco delle compagne più grandi ed esperte, permettendoci di tornare con due importantissimi punti, assolutamente insperati dopo la prima ora di gioco.”