Quantcast

Catanzaro, c’è l’accordo con Sounas, resta l’ottimismo per Iemmello

Per il greco ex Reggina pronto un contratto sino al 2024. Per l'attaccante c'è il rilancio dell'Avellino. Prossime ore decisive

L’orecchio rivolto al telefono, in attesa di quello squillo promesso e sperato. Le mani però per nulla in mano, già tese ad intrecciare altri fili e a terminare le trame già intessute di mercato. E’ senza dubbio a Pietro Iemmello che il Catanzaro in queste ore pensa: impaziente quasi di alzare la cornetta e ricevere da lui la risposta all’offerta formulata nel lungo summit della mattinata in sede. Quasi tre ore di confronto quelle tra l’attaccante, il suo entourage, la dirigenza giallorossa ed il presidente Noto. Concluse con un “a presto” che in via Gioacchino da Fiore avrebbe autorizzato a vedere le cose sotto la luce dell’ottimismo, senza patemi o ansie, nemmeno dopo il prevedibile rilancio dell’Avellino arrivato a ruota. Tocca al telefono, ora squillare e a chi sta dall’altra parte dire sì; il resto verrà naturale poi: dalla quadra con il Frosinone per i dettagli d’uscita alla discussione delle minuzie per l’inizio della nuova avventura.

SOUNAS C’E’ – Fin qui l’attesa, di più come detto c’è l’azione. Perché quasi contemporaneamente ai passi avanti fatti per centrare il colpo che darebbe la svolta alle ambizioni stagionali, il club del patron Noto ha portato a compimento un altro affare già disegnato nelle settimane precedenti. Dimitrios Sounas può infatti considerarsi formalmente un nuovo giocatore del Catanzaro: l’accordo fino al 2024 è cosa fatta e già domani – al più tardi martedì – il centrocampista greco dovrebbe sbarcare in città per le visite mediche di rito ed il primo contatto con mister Vivarini. Un innesto di peso e di esperienza che di certo agiterà il domino in mediana con l’uscita ormai imminente di Cinelli e Risolo. Restano accesi i fari su Damian, Calapai e Rizzo così come sull’attaccante Murilo, in uscita da Viterbo e chissà raggiungibile attraverso qualche contropartita gradita ai laziali (Carlini o qualcuno del pacchetto arretrato).

DIARIO DI BORDO – Chi già c’è invece ha rispettato oggi una giornata di riposo dopo l’intensa seduta di ieri dedicata alle esercitazioni tattiche a reparti. Aver potuto ricominciare con gli allenamenti collettivi dopo quelli a gruppi separati causa covid è già una grande cosa in questa fase priva di impegni ufficiali; i lavori riprenderanno domani, nel pomeriggio, a Giovino.