Quantcast

Catanzaro-Iemmello, nuovo summit ma resta la distanza

Nuovo incontro ristretto per la punta: c'è distanza nelle cifre. Bjarkason ufficiale e già in campo. Per Maldonado si attende l'ok della curatela fallimentare del Catania

Più informazioni su

Nemmeno un nuovo incontro tra le parti, ristretto al solo giocatore e al presidente, è riuscito a sbloccare la situazione, a rompere l’empasse dei giorni scorsi e a traghettare la trattativa verso la chiusura: dove erano ieri, lì sono rimasti il Catanzaro e Iemmello senza passi avanti concreti o rotture definitive capaci di far intendere – per un verso o per l’altro – un qualunque sviluppo della telenovela. Le cifre al giocatore il club le ha fatte: andranno ovviamente discusse anche con gli agenti, modulate sulla base di una formula ancora in divenire – tra il prestito con obbligo di riscatto in caso di B ed il titolo definitivo – e bisognerà confrontarsi con il Frosinone ma è un punto di partenza almeno, un primo step. C’è distanza tra quanto atteso e quanto messo sul piatto; ed è tutto da vedere se e soprattutto chi si smuoverà dalla propria casella per avvicinarsi a quella dell’altra. Anche perché il tempo passa, si è già di fatto giunti a metà mese, ed una conclusione occorrerà trovarla per orientare le altre scelte di mercato. Il faldone con su scritto Jacopo Murano, insomma, resta sempre sulla scrivania.

BJARKASON UFFICIALE – In via Gioacchino da Fiore ci si consola con Bjarki Steinn Bjarkason ufficializzato questa mattina – prestito fino a giugno dal Venezia – e già in campo nel pomeriggio a Giovino per il primo allenamento agli ordini di Vivarini. L’islandese, che lo scorso weekend ha esordito in serie A contro il Milan e conta quest’anno anche una presenza nella Coppa Italia maggiore contro la Ternana, sarà utile risorsa come quinto.

MALDONADO OK – Lo seguirà a breve l’ecuadoriano Luis Alberto Maldonado per il quale negli ultimi giorni si sono intensificati gli sforzi. Per oggi era atteso l’affondo decisivo: l’accordo con il ragazzo c’è già – un anno e mezzo di contratto, fino a giugno 2023 – e non dovrebbe tardare l’ok della curatela fallimentare del Catania, organo ultimo chiamato a decidere sull’uscita del calciatore.

DIARIO DI BORDO – In campo intanto è proseguita la marcia d’avvicinamento alla semifinale di Coppa Italia contro il Padova. Squadra a Giovino nel pomeriggio per la consueta dose di studio tattico; i lavori continueranno domani con una doppia seduta.

Più informazioni su