Calcio LegaPro, che pasticcio: slittano i calendari

Il Consiglio di Stato accoglie la richiesta di sospensiva avanzata dal Campobasso: domani niente appuntamento al Salone d'Onore del CONI.

Più informazioni su

A meno di ventiquattro ore dal varo previsto dei calendari e con già la composizione dei gironi ufficializzata ha del clamoroso la notizia dell’accoglimento da parte del Consiglio di Stato della richiesta di sospensiva avanzata dal Campobasso. La società rossoblù era stata esclusa ieri insieme al Teramo dal prossimo campionato di Lega Pro per alcune irregolarità fatte emergere dalla Covisoc.

La mossa odierna ha messo in scacco l’appuntamento fissato per domani 5 agosto a Roma nel Salone d’Onore del CONI e ha dunque obbligato al posticipo tutte le pratiche di avvio del campionato. Si sarebbe voluto andare avanti lo stesso – questo l’orientamento filtrato da Firenze nel pomeriggio – ma nella serata ci si è dovuti arrendere alla realtà. Con comunicato diffuso pochi minuti fa la LegaPro ha ufficialmente annullato tutto: la compilazione salta e non c’è per ora una data per il recupero.

LA NOTA – “Facendo seguito al decreto del Presidente della Sez.Quinta del Consiglio di Stato, Luciano Barra Caracciolo, che in data odierna ha previsto di ‘temporaneamente sospendere la mancata ammissione (“Licenza”) al Campionato della ricorrente (Campobasso Calcio), in vista della camera di consiglio del 25 agosto 2022, nella quale l’istanza cautelare potrà essere esaminata collegialmente, nel dovuto contraddittorio – il testo della nota – la Lega Pro si vede obbligata a prenderne atto e conseguentemente a rinviare a data da destinarsi la compilazione dei Calendari del Campionato Serie C 2022/2023. I club di Lega Pro – prosegue – continuano a subire un danno rilevantissimo e pertanto si auspica che la questione possa essere definita prima della data del 25 agosto p.v”

Più informazioni su