Catanzaro Calcio, il giudice sportivo ferma Sounas per “espressione blasfema”

Un turno di squalifica per il greco e mille euro di ammenda alla società per "intemperanze" della tifoseria in trasferta a Cerignola

Più informazioni su

Di nuovo un conto salato con questa volta pure una punta d’amaro che obbligherà a cambiare volto contro il Messina. Sta diventando ormai quasi consuetudine leggere il nome del Catanzaro tra quelli delle società sanzionate dal giudice sportivo dopo ogni turno di campionato.

Era già successo nelle precedenti tre occasioni – Picerno, Taranto e Latina – e la trasferta di Cerignola non è stata da meno con la multa comminata al club per le intemperanze sugli spalti dei suoi tifosi. Mille euro l’ammenda per il lancio di un fumogeno e di un bengala sul terreno di gioco. A cui questa volta si è aggiunta anche la squalifica per un turno del greco Sounas appiedato per un’espressione blasfema – secondo il referto – “pronunciata al novantacinquesimo minuto circa in prossimità della panchina dove si trovava dopo essere stato sostituito”. Il centrocampista salterà dunque la gara di sabato contro i peloritani guidati dall’ex Auteri; il suo posto dovrebbe essere preso da Bombagi, fin qui schierato per spezzoni – in alternanza proprio con l’ex Perugia – titolare a Modena in coppa a fine luglio e l’ultima volta in campionato il 22 dicembre 2021 nella gara di Francavilla contro la Virtus.

FRONTE MESSINA – Mancherà al tecnico di Floridia invece il difensore under Filì espulso nel finale della gara contro l’Avellino per condotta giudicata “gravemente antisportiva nei confronti di un avversario contrastato con forza eccessiva capace di mettere a rischio l’incolumità fisica”. Candidato numero uno per sostituirlo, in caso di conferma della difesa a quattro, l’ex Sicula Leonzio Ferrini.

Più informazioni su