Quantcast

Vita Ambiente: ‘Giovino è da preservare’

'Mi auguro che il Sindaco Abramo  preveda  un Piano di Sviluppo Comunale che parta dalla difesa e dalla tutela di questo importante sito'


“In qualità di presidente di Vita Ambiente associazione ambientalista Nazionale nata a Catanzaro, mi preme esprimere alcune considerazioni importati in merito alla continua discussione sullo sviluppo di ‘Giovino’”. Lo scrive in una nota Pietro Marino presidente di Vita Ambiente. “L’area di cui si parla – scrive Marino – è costituita da un habitat costiero denominato dune di Giovino, è ubicato sull’ultimo tratto di costa non cementificata di Catanzaro si sporge sulle acque limpide del Mar Jonio, si trova fra i torrenti Castace e Alli, nei pressi di contrada Bellino, poco a nord di Catanzaro Lido. Si tratta di quasi 12 ettari di pineta e dune costituite da sabbia bianchissima con una lunghezza fronte mare di oltre 600 metri e una larghezza di circa 190 metri fra battigia e interno”. 

La spiaggia di Giovino secondo Marino “ha la peculiarità di modellarsi in ondulazioni sabbiose alte anche 3-4 metri che formano l’ecosistema dunale, un ambiente naturale di grande bellezza e gracilità che nei pochi luoghi d’Italia in cui ancora persiste è oggetto di attenzione e salvaguardia, e di grande legame con la comunità marinara di Catanzaro. Un incantesimo prodotto dal vento, dal moto ondoso e da una serie di piante psammofile che, oltre a oltrepassare le ardue condizioni ambientali presenti all’interno delle dune, riescono ad agevolare sedimentazione e accumulo della sabbia grazie alle loro radici profonde e pervasive. Fra depositi di alghe e conchiglie spiaggiate, a Giovino non è inoltre difficile incontrare rarità botaniche come lo splendido giglio marino (Pancratium maritimum), protetto con legge regionale e qui ridotto a pochissimi esemplari, o la Paronychia argentea Lam, presente in sole tre regioni italiane: Calabria, Sicilia e Sardegna; in Toscana e Campania si è infatti estinta, mentre in Calabria è presente in sole due stazioni note, a S. Ferdinando (RC) e, appunto, a Giovino. Il Comune è già a conoscenza di un importante progetto portato avanti dall’associazione SoS Dune di Giovino finalizzata alla realizzazione di una Riserva Naturalistica. Mi auguro che il Sindaco Abramo  preveda  un Piano di Sviluppo Comunale che parta dalla difesa e dalla tutela di questo importante sito. Spero che al più presto il Sindaco Abramo avvii una concertazione aperta a una partecipazione attiva della comunità locale e delle sue articolazioni sociali e associative, tenendo conto che è necessario un confronto continuo, e bisogna immaginare che tipo di città vogliamo vivere tenendo conto di trasporti, infrastrutture, servizi e salvaguardia dell’ambiente”.