Quantcast

Chiusura della SP 168/1 a Marcellinara, pressing del sindaco Scerbo

"Chiameremo tutti a raccolta per una protesta eclatante”

“È oltremodo vergognoso il silenzio della Provincia di Catanzaro sulla chiusura, ormai da quattro mesi, della strada provinciale 168/1 che attraversa Marcellinara. Nessuna comunicazione e nemmeno la benché minima rassicurazione di prossimo intervento con grave disinteresse delle esigenze dei cittadini e delle imprese locali”: è un duro attacco quello del sindaco di Marcellinara, Vittorio Scerbo, per denunciare l’inerzia dell’ente intermedio riguardo la strada provinciale che non ha ancora visto alcun tentativo di riapertura, anche su singola corsia, come richiesto dall’Amministrazione Comunale.

“A distanza di più di un mese ormai dal Consiglio Comunale del 30 aprile scorso – ha proseguito il Sindaco Vittorio Scerbo –  in cui il sottoscritto ha debitamente interpellato, in quanto consigliere di minoranza, il Vicepresidente della Provincia, non si è intravisto alcun barlume di speranza. Ora – ha rimarcato il Sindaco Vittorio Scerbo – non vorrei credere che la situazione della Provincia a livello finanziario sia disastrosa considerato che nell’ordine: il manto stradale delle nuove rotatorie costruite all’ingresso di Marcellinara è già malmesso con seri rischi per gli automobilisti; la messa in sicurezza del canalone in loc. Vignali non è stata realizzata; le cunette delle strade provinciali sono sporche e piene d’erba; le buche sulle strade provinciali che attraversano tutto il territorio di Marcellinara sono un pericolo per la viabilità”.

“In qualità di componente dell’Assemblea dei Sindaci, ai sensi dello Statuto della Provincia di Catanzaro – ha evidenziato il sindaco Vittorio Scerbo –  avevo anche richiesto l’accesso ai documenti di programmazione finanziaria della Provincia per capire lo stato di salute dei conti e se nel bilancio, ancora non approvato, sono previsti tal interventi: ma è stata disattesa anche la semplice e legittima richiesta istituzionale”.

“A questo punto – ha concluso il Sindaco Vittorio Scerbo – non resta che chiamare tutti a raccolta per una protesta eclatante se non si avranno, in breve tempo, risposte certe e concrete!”