Quantcast

CaraCatanzaro: “Per villa Margherita occorre manutenzione quotidiana come un tempo” foto

La villa ha bisogno di essere curata quotidianamente e non certo con interventi estemporanei senza seguito, solo così non si sprecheranno inutilmente preziosi fondi pubblici

Abbiamo accolto con grande favore la richiesta della Commissione Consiliare all’Ambiente (sottoscritta da tantissimi consiglieri comunali) della necessità ormai improcrastinabile di provvedere a una manutenzione quotidiana di Villa Margherita. La stessa rappresenta il Parco più amato dai catanzaresi, il vero polmone verde del centro storico. Ricordiamo, quando eravamo bambini, che la stessa era amorevolmente curata e sorvegliata, dalla sette di mattina e fino alla chiusura serale, da alcuni manutentori, cosidetti “guardiani” (erano almeno in tre che vi avevano postazione fissa e addirittura uno di essi ci abitava nella casa messa a disposizione dal Comune). Chi non li ricorda? Chi non ricorda il cambio quotidiano della data con le pigne dei cipressi? Le aiuole avevano tutte il prato con una erbetta perfetta, e guai a chi le calpestava! Ci mettevano amore e rigore. Ricordiamo addirittura il nome di uno di essi, il signor Rubino, un vero “vigile” senza uniforme che curava la Villa con incondizionato amore. E’ quanto si legge in un comunicato stampa dell’associazione CaraCatanzaro.

Oggi, sappiamo bene, le cose sono cambiate. Ai dipendenti comunali veri e propri- prosegue la nota –  sono subentrate le partecipate, e addirittura la esternalizzazione dei servizi. Certo, segnali dei tempi che cambiano, ma per villa Margerita occorre una eccezione perché le cose non sono certo migliorate, anzi, tutt’altro.

In agosto era stata bonificata la vasca dei cigni, dopo anni di abbandono. Era stata ripulita, rifatto l’impianto idrico, la pitturazione del fondale. A distanza di poco più di un mese, la stessa è di nuovo sporca e degradata. A cosa è servito spendere decine di migliaia di euro? Evidentemente a nulla. Ecco quindi che ci accodiamo con convinzione alla richiesta della Commissione Consiliare all’Ambiente di destinare a villa Margherita delle unità a tempo pieno, come un tempo. La villa ha bisogno di essere curata quotidianamente e non certo con interventi estemporanei senza seguito, solo così non si sprecheranno inutilmente preziosi fondi pubblici.

Con l’occasione, dopo aver un paio di mesi fa provveduto al restauro delle storiche statuine di Biancaneve e i sette Nani, ci offriamo sin d’ora di “fornire” a nostre spese alla Villa i cigni e le paperelle utili a ripopolare le vasche, come un tempo. L’ennesimo atto d’amore della nostra associazione per la città. Ma senza la volontà della politica, nulla può essere possibile purtroppo”, conclude la nota.