Quantcast

Ospedale Pugliese-Malattie Infettive, il primario: “Potenziamento reparto? Bloccato per mancanza di fondi”

Il dirigente sanitario risponde all'interrogativo del consigliere comunale Eugenio Riccio: "Saranno operative presto solo le quattro nuove terapie intensive. Con la speranza che non servano"

«Il progetto è bloccato per mancanza di fondi». Non poteva non essere più diretta la replica di Lucio Cosco, primario del reparto di malattie infettive dell’Ospedale Pugliese il quale, rispondendo al consigliere comunale Eugenio Riccio che in una nota di questa mattina chiedeva che fine avesse fatto il piano di potenziamento che prevedeva la realizzazione di postazioni per le degenze a pressione negativa, le terapie intensive e le dialisi, proprio in virtù di un ritorno dei contagi da Coronavirus, ha spiegato:

«Lo scorso maggio annunciai che era intenzione dell’Azienda ampliare un padiglione del reparto di malattie infettive e attrezzarlo per curare i pazienti Covid. Ed effettivamente era così. Purtroppo ad oggi mi trovo nella condizione di dover dire che i soldi che servivano per mettere in piedi questo progetto, che io sappia, non sono mai arrivati. Tuttavia, consapevole di ciò che sta accadendo, l’Azienda ha deciso di mettere mano, quantomeno, ad una parte del progetto per cui sono in fase di realizzazione quattro stanze di terapia intensiva che presto diventeranno operative. La mia speranza, comunque, è che rimangano inutilizzate».