Quantcast

Kalavrìa Triathlon, per Luca Mancuso grande vittoria foto

Il triatleta catanzarese ringrazia chi lo ha sostenuto. Numerosi i messaggi di stima ricevuti dai professionisti dello sport

“Raggiungere Tortora Marina circondato dalle persone che mi son state più vicine in questi 3 giorni, dalla mia società di Triathlon e dalle tante amiche amici venuti da ogni parte, è stata la vittoria più grande. Sembrava interminabile, un obiettivo lontano, ma alla fine km dopo km il confine calabrese opposto a quello della mia partenza 3 giorni prima si è materializzato, prima in lontananza, poi sempre più vicino in quei pochi ed infiniti metri.”

Le emozioni descritte nella frase, sono quelle di Luca Macuso, il triatleta catanzarese, che domenica in tarda serata ha concluso il suo viaggio iniziato  a Rocca Imperiale il 20 settembre scorso e percorso in bici, a nuoto e di corsa su distanze Iroman.

“L’ abbraccio con il mio coach e vice campione del mondo Gabriele Abate, è stato una sorta di liberazione. Ci siamo allenati molto e analizzato ogni tappa quasi al microscopio per poter concludere al meglio questo Kalavrìa Triathlon Tour. È stato un lavoro di squadra e che squadra! Oltre a Gabriele, accanto a me Claudio e Ciro anch’essi triatleti da lunghe distanze, Emanuel e Fabrizio due uomini da Tor de Geants, atleti che sanno bene cosa sia la sofferenza nello sport, Luca e Massimo che hanno pianificato ogni sosta, prevedendo e trovando sempre nuove soluzioni per i tanti imprevisti che lungo 750 km inevitabilmente avremmo trovato – ha proseguito – Questo successo è quindi anche loro. Ho ricevuto manifestazioni di affetto e stima da parte di tantissime persone, fa indubbiamente piacere sentirsi dire di esser riusciti a trasferire la propria energia a chi mi stava seguendo, con semplicità e sempre col sorriso. Anche dal mondo dello sport professionistico sono giunti i complimenti per questo obiettivo e ne sono lusingato, sono un semplice atleta amatoriale e sentire uomini che rappresentano l’élite dello sport non può che far piacere. Al già citato triatleta olimpionico Polikarpenko, il pluri medaglia d’oro Daniel Fontana e l’ultra maratoneta e 3 volte campione del mondo Giorgio Calcaterra. Oltre alle tante ed indescrivibili emozioni, restano di questa esperienza numeri, dati e statistiche che saranno utilizzati dal corso di Laurea di Scienze Motorie dell’ Università Magna Grecia di Catanzaro – ha concluso – Le riprese video degli amici Maurizio Sestito e Andrea Gariano diventeranno presto un docufilm su questa impresa che ha come primo intento quello di unire la Calabria e lo sport.”